domenica 8 febbraio 2009

Incremento del volume delle precipitazioni. Test del 22 ottobre 2008 su Capoterra

Sull'onda dell'egregio lavoro di ricerca sull'induzione dell'uragano Katrina, svolto dal fisico Corrado Penna, ho reperito un altro interessante documento concernente i disastri climatici creati ad arte.

E' oramai palese che gli interventi atti a modificare il clima, seguono due filoni principali: impedire le precipitazioni o potenziarle.

Questo
brevetto, in particolare, si riferisce ad un sistema di disepersione di sostanze atte ad incrementare la quantità e l'intensità delle precipitazioni piovose.

Da non dimenticare la famosa frase di Delitala (climatologo del S.A.R.), rilasciata al giornalista del quotidiano L'Unione Sarda il giorno dopo l'alluvione mortale su Capoterra. L'"esperto" faceva riferimento alla caduta di "goccioloni": si tratta di una infantile metodologia espositiva, atta a confondere i lettori, ma non tutti.

A proposito, visto che il S.A.R è passato sotto il controllo dell'A.R.P.A.S., abbiamo notato che le interviste vengono rilasciate da altri funzionari. Speriamo che duri.

Ho tradotto i passi più significativi del brevetto, dandogli un senso immmediatamente comprensibile dal cittadino comune, evitando una una resa letterale prettamente scientifica e scarsamente intelliggibile:
"[...] Le particelle sono rilasciate in prossimità della nube o appena sotto, da un aeromobile [...]. Si tratta di nuclei di condensazione che ingrandiscono velocemente il volume delle gocce (fino a farle precipitare, n.d.r.). [...] Un insieme di razzi 'inseminanti' può essere fornito a bordo, montato esternamente ed essere elettricamente avviato da comandi all'interno dell'aereo. Le particelle sono così liberate nella scia del velivolo. [...]".

Qualcuno un giorno affermò che si possono brevettare anche solo le idee.

Anche questa è un'idea, sì, ingegneristica, messa nero su bianco, resa operativa ed applicata quotidianamente sulle teste dei cittadini di tutto il mondo, compresi quelli di Capoterra il 22 ottobre 2008.

23 commenti:

  1. Un ottimo metodo è quello di indurre precipitazioni durante i periodi di raccolta ed indurre siccità nei periodi un cui serve acqua alle coltivazioni. Ridurre in ginocchio le economie è semplice con la manipolazione del clima.

    RispondiElimina
  2. Giusta osservazione Straker, aggiungo che l'incremento delle precipitazioni è indotto anche nei periodi di semina di molte colture autunno-vernine come il frumento.
    In tal modo i terreni imbibiti d'acqua e trasformati in acquitrini, non permettono l'ingresso dei mezzi agricoli, impedendo arature e semine.

    A causa della siccità, nel sud Sardegna, l'anno scorso le produzioni di frumento sono state a dir poco disastrose, con rese ad ettaro tra le più basse degli ultimi 100 anni.
    Quest'anno invece a causa delle abbondanti precipitazioni costanti, non si riesce a seminare.

    Solo gli stolti non vedono queste anomalie dovute ad artefizi umani.

    Fatevi due chiacchiere con gli anziani dei paesi agricoli e imparerete molte più cose che dagli "scienziati" prezzolati.

    RispondiElimina
  3. Esattamente, Mike.

    Un amico mi scrive:

    [...] Sto seguendo un po' tutto il dibattito che si sta ampliando sempre di più, e mi pare che in generale la gente non ci scherza su più tanto; i tre mesi e mezzo di siccità estiva seguiti da altri tre mesi (e la cosa non è ancora finita) di piogge quasi ininterrotte ha attirato l'attenzione di molti che si cominciano a fare domande (proprio ieri mi è successo con un mio amico appassionato di funghi e che quest'anno non ne ha raccolto neanche uno a causa del tempo balordo) [...]

    RispondiElimina
  4. Ed io aggiungo che quest'anno la tradizionale sagra delle castagne non si è svolta, per la completa assenza delle suddette.

    RispondiElimina
  5. I "maghi" del clima in Australia hanno causato immani incendi con molte vittime.

    Ciao

    RispondiElimina
  6. Zret, per ora comandano loro.
    Ogni cosa ha un inizio e una fine. Anche l'impero romano crollò.

    Le menzogne non durano in eterno.

    RispondiElimina
  7. A Maggio oppure quando finiranno queste grandi piogge di merda, faremo una sommatoria della piovosità totale da Ottobre 2008, utilizzando i dati di alcuni pluviometri posti presso privati... e confronteremo con i dati che ci fornirà la regione sardegna... ormai si diffonde sempre di più la voce... sempre più persone guardano verso il cielo e capiscono il reale pericolo che corriamo... questi bastardi hanno i giorni contati... segnalo attività di potente aerosol anche oggi lunedi' 9 febbraio nei cieli del cagliaritano... a questo punto bisognerebbe organizzarsi per buttarlo giu' uno di questi tanker... che ne dite?

    RispondiElimina
  8. Questo impero criminale imploderà da solo.
    E' fondato sugli isterismi di potere e verrà mangiato come il cancro, dal didentro.

    Isterismo come quello di Pierluigi Maschietto, geologo e attivo disinformatore che si collega dal server dell'INPDAP di Roma per scrivere insulti su questo blog.
    Inutile dire che non verranno pubblicati ma sono tutti registrati e archiviati.

    ECCOLO QUA

    RispondiElimina
  9. Segnalo ai sardi (ma non solo) un importante articolo sull'ecatombe in Australia.

    In Sardegna sappiamo bene cosa sono gli incendi. Sempre dolosi.

    Abbiamo un inverno molto piovoso creato artificialmente?

    Vedrete cosa accadrà questa estate.
    Se ci arriviamo.

    PS: giornata campale per quanto riguarda le irrorazioni chimico biologiche.
    Si vedono chiarissimi anche ora sotto la luce della luna.

    RispondiElimina
  10. Giornata di irrorazione immane. :-|

    RispondiElimina
  11. Un'occhiata alla satellitare di oggi. Vasta operazione di aerosol su Francia e parte dell'Italia.

    QUI

    Un confronto con i dati dei radiosondaggi ci conferma non solo l'attività di aerosol, ma anche la quota di volo, con un crollo repentino dei valori di umidità relativa.

    Le radiosonde di Levadigi, casualmente, oggi non sono state mandate in quota, probabilmente per non interferire con le scorribande dei tankers chimici.

    RispondiElimina
  12. Segnalo ripetute visite dall'Istituto Alte energie fisiche e alte energie astrofisiche (IFAE) di Barcellona, organismo governativo spagnolo e dal CERN.

    La cosa non mi suona per niente strana.

    Meditate gente, meditate...
    Anzi, riempiteli di emails chiedendo come mai sono così interessati alle scie chimiche.

    RispondiElimina
  13. grande mike, continua a comunicare le visite illustri..... chissà perchè questi "scienziati" sono interessatissimi alle normali scie di condensa...che strano.
    certo che questi astrofisici sono molto interessati alle "bufale"...

    cmq confermo sui funghi....un'annata peggiore di questa personalmente non me la ricordo.
    non ha piovuto quando doveva e ha piovuto quando non doveva. insomma, un mondo al contrario. tra l'altro, nessun "scienziato" ha ancora spiegato perchè ad agosto c'erano più scie che di febbraio...dovrebbe essere esattamente il contrario,se la matematica non è un opinione....

    RispondiElimina
  14. Certo che continuerò a segnalare gli ingressi degli "scienziati".
    Sono un inguaribile ottimista e credo che molti di loro sappiano che si sono infilati in un buco nero e che se non si danno una mossa entro breve tempo, ne subiranno le disastrose conseguenze in prima persona.
    Non sono stupidi.

    RispondiElimina
  15. Segnalo l'urlo di rabbia degli spagnoli irrorati pesantemente con scie chimiche.

    CHEMTRAILS IN SPAGNA già da me personalmente documentate in loco appena qualche mese fa.

    MADRID PORTA DEL SOL

    RispondiElimina
  16. ottimo mike, ho aggiunto un link a questo tuo articolo nel mio post su katrina;

    ribadisco che anche se fossi laureato in lettere avrei potuto scrivere le stesse cose, basta avere la voglia di documentarsi; non sono indispensabili lauree per guardare il cielo, leggere ed informarsi

    RispondiElimina
  17. Grazie Corrado, concordo con te nell'avere voglia di documentarsi senza necessariamente essere edotti in materie scientifiche.

    E quando trovo brevetti come questo, non posso non renderli fruibili a tutti.

    RispondiElimina
  18. A proposito di militarizzazione dei cieli, segnalo questo interessante e fondamentale link con l'augurio che le coscienze si sveglino in fretta.

    Contro la militarizzazione di Vicenza

    RispondiElimina
  19. Inoltre, segnalo quasta grande iniziativa dalla Spagna.

    NO CHEMTRAILS

    RispondiElimina
  20. Tankers scatenati tutta la notte sul sud Sardegna.
    Stamattina copertura chimica totale.
    I servizi meteo la chiamano "nubi alte senza fenomeni in spostamento verso la Sicilia".

    Segnalo la sfrontatezza nella mistificazione dei bollettini meteorologici, QUI.

    Leggere attentamente le previsioni.
    Non solo pilotano a piacere le perturbazioni, lo dicono pure.

    RispondiElimina
  21. a mongoloide, e questo sarebbe un post interessante? potrebbe definirsi cosi solo se tentasse di dimostrare quanto sei idiota, e infatti, sotto quell'aspetto lo trovo molto illuminante, i tuoi 47 cromosomi danno il meglio di loro in questo delirante post.

    A proposito, che tu pubblichi, archivi, o qualsiasi cosa tu ci faccia con i miei post, il mio intenento e' solo quello di farteli leggere, almeno sai quanto sei coglione e quanto mi piace prenderti per il culo, povero sardegnolo che non sei altro, vai a farti na bella passeggiata vicino a un manicomio, stai sicuro che ti mettono una bella camicia di forza, ti sbattono in una celal imbottita e non ti fanno piu uscire, a te, a strakkino e a quel clown da circo di zrettino, una bella famigliola chiusa dentro uan gabbietta imbottita:) buon divertimento povero demente :) :):):):):):)

    RispondiElimina
  22. Poveraccio, senza più dignità.
    Vi presento uno dei tipici esseri abominevoli con i quali ho a che fare.

    Che Dio lo perdoni (ma ho seri dubbi).

    RispondiElimina
  23. Ah, dimenticavo, questo messaggio proviene dal server dell'INPDAP di Roma.
    Paghiamo anche questa gente.

    ECCO IL REPORT DELLA CONNESSIONE

    RispondiElimina

NOTA BENE: tutti i commenti sono sottoposti a moderazione e quindi non saranno subito leggibili. Evitate perciò di inviare un unico messaggio diverse volte. Grazie per la pazienza e la collaborazione.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.